Arte e cultura

Appunti di viaggio: Edimburgo in due giorni

Img 1847

Edimburgo è la capitale della Scozia, al nord dell’Inghilterra.  E ‘una città incantevole e così diversa da Londra.  Vale la pena visitarla anche perchè è facilmente raggiungibile sia con aereo che con treno o bus. Due giorni sono sufficienti per vedere i posti principali.

Ecco un percorso che si potrebbe fare in due giorni.

Edimburgo Giorno 1

La prima tappa è sicuramente il Castello di Edimburgo. Si trova proprio in cima alla città. La fortezza ha più di 3000 anni di storia ed è stata abitata dal IX secolo a.C. (legionari romani, angli, normanni, inglesi e pirati).

All’interno potete visitare il Museo Nazionale della Guerra, la Cappella di Santa Margherita, il Palazzo Reale, il Monumento Nazionale Scozzese ai caduti e tanto altro. Per comprare i biglietti cliccate qui.

Castello Edimburgo

Castello di Edimburgo

Si prosegue poi per via principale di Edimburgo, ovvero The Royal Mile. Potrete trascorrere un po’ del vostro tempo tra negozi di souvenir, whisky e pub tipici. In questa strada si trova anche la Cattedrale di St. Giles, la chiesa principale della capitale scozzese, che si trova proprio vicino allo Scottish Parliament Building, il vecchio palazzo del parlamento completato nel 1639 e in uso fino all’unione con l’Inghilterra nel 1701.

Proseguendo per la via si possono trovare diversi musei tra cui il Writer Museum dedicato ai tre scrittori scozzesi più famosi: Walter Scott, Robert Luis Stevenson e Robert Burns.

Harry Potter e Bobby

Per gli amanti di Harry Potter al 21 George IV Bridge c’è The Elephant House, dove la Rowling ebbe l’ispirazione per scrivere il suo romanzo di successo. Lì vicino si trova anche  Victoria Street che pare abbia ispirato  Diagon Alley e la George Heriot’s School da cui l’autrice ha preso spunto per la scuola di Hogwarts. Nel cimitero Greyfriars è invece sepolto Tom Riddle. Questo luogo è anche famoso per la tomba di Bobby  il cane simbolo della città,  per aver passato 14 anni davanti alla tomba del padrone fino alla sua morte. Qui vicino si trova anche una piccola statua del terrier.

 

the Elephant House Edimburgo

Il primo giorno di visita si è concluso con il Ghost Tour della capitale scozzese. Edimburgo è infatti ricca di storie di fantasmi e assassini ed è interessante ascoltarli da una guida del luogo.

Edimburgo Giorno 2

La prima tappa del secondo giorno di visita ad Edimburgo si può iniziare dal Parlamento Scozzese, che si trova alla fine del Royal Mile. E’ una costruzione moderna (2004) ideata dall’architetto spagnolo Enric Millares, completamente diversa dallo stile vittoriano della città.

Proprio di fronte si trova Holyrood Palace, la residenza scozzese della Regina Elisabetta II che ci trascorre circa due settimane in estate.

 

Holyrood Palace Edimburgo

Holyrood Palace Edimburgo

Se vi piace la natura e le arrampicate, poco distante dal palazzo si trova il sentiero per Arthur’s seat, il punto più alto delle colline di Holyrood da cui si può godere di una splendida vista sulla città.  Consiglio: munitevi di scarpe e abbigliamento adatti.

Sempre vicino  si trova il Museo di Edimburgo dedicato principalmente tutto ciò che riguarda la storia di Edimburgo.

A circa dieci minuti dal museo si trova un altro dei punti panoramici della capitale scozzese ovvero Calton Hill. Una collina sede di una serie di monumenti incluso il Monumento Nazionale della Scozia (che somiglia molto a un tempio greco) il Nelson’s Monument a l’Osservatorio Reale. Inoltre il panorama che si può ammirare è stupendo.

 

Calton Hill Edimburgo

 

L’ultima tappa della seconda giornata è la Scottish National Gallery, in cui sono esposti i quadri di alcuni dei maggiori artisti al mondo tra cui Botticelli e Monet. Non è grande come la Nationa Gallery di Londra ma se vi piace l’arte dal Rinascimento all’Impressionismo non rimarrete delusi.

Proprio vicino alla galleria si trova lo Scott Monument, monumento gotico vittoriano allo scrittore scozzese Walter Scott.

Altri consigli

Edimburgo è una città che si può girare tranquillamente a piedi, è infatti molto concentrata a differenza di Londra. In ogni angolo della città c’è qualcosa di particolare da ammirare tra queste le Close, piccole vie che caratterizzano l’intera Old Town e che offrono degli scorci molto interessanti.

Un ultimo consiglio riguarda il cibo. I prodotti tipici che dovete assaggiare a Edimburgo sono gli haggis ovvero delle sorta di polpette preparate con le interiora della pecora, ma che esistono anche in versione vegetariana e le pie  e ovviamente non si può non nominare il salmone scozzese. Molto buoni sono anche gli shortbread, i biscotti al burro. Se avete più di 18 anni non potete non degustare il Whisky scozzese a cui sono stati dedicati diversi negozi oltre che la Whisky Esperience in cui  vi verrà anche spiegato come viene fatto il liquore più famoso della Scozia e le differenze tra i diversi tipi di Scotch.

Chiara Pizzino

Autore: Chiara Pizzino

Ha origini siciliane ma attualmente si trova in Inghilterra per perfezionare la lingua inglese e per conoscere più culture. I viaggi sono la sua più grande passione, dopo la scrittura. E’ infatti laureata in Scienze dell’Informazione: Comunicazione Pubblica e Tecniche Giornalistiche, La fotografia è un’altra delle cose che adora e non va mai da nessuna parte senza la sua macchina fotografica.

Appunti di viaggio: Edimburgo in due giorni ultima modifica: 2018-04-20T10:54:33+00:00 da Chiara Pizzino

Commenti

To Top