LONDRA VIVERE A LONDRA

La metropolitana di Londra, vanto e faro di modernità dal 1863

la metropolitana di Londra

La metropolitana di Londra, la “underground”, ovvero la prima linea sotterranea al mondo, è stata inaugurata il 10 gennaio 1863. Quel giorno fatidico, partì il primo convoglio a vapore, e percorse il tratto urbano Paddington Road, che allora si chiamava Bishop Rd., e Farringdon Street.” La “London Underground”, o “The Tube” come la chiamano i londinesi, vide la prima tratta elettrificata nel 1890 e già si vedeva il novecento!

“Underground”

La Central line fu varata proprio con il nuovo secolo, nel 1900. Solo nel 1908 i londinesi videro per la prima volta la scritta “Underground” all’ingresso delle stazioni dei treni, dicitura che ha sempre caratterizzato Londra. Già nel 1911 nella stazione di Earl’s Court, nella metropolitana di Londra furono installate le prime scale mobili.

la metropolitana di Londra

Londra, la città industriale e moderna per eccellenza, non sta al passo con i tempi, bensì li precorre! The “Tube” è cresciuta con la città. La lunghissima storia della metropolitana di Londra ha attraversato ben due conflitti bellici. Durante la prima guerra mondiale, l’emergenza spinse la popolazione a usare alcune stazioni come riparo dalle incursioni degli Zeppelin tedeschi.

la metropolitana di Londra

In seguito, la crescita esponenziale della popolazione della città, spinse il governo ad ampliare la metropolitana di Londra. I lavori degli anni 20’ portarono molte innovazioni, come le prime porte automatiche dei convogli varate nel 1929, impensabili altrove!

La metropolitana di Londra, faro di modernità

Dalla sua nascita, la metropolitana di Londra non ha mai smesso di rinnovarsi, tuttavia arrivò un altro “stop” per via del secondo conflitto bellico mondiale. Ancora una volta le stazioni furono utilizzate dalla popolazione per sfuggire ai bombardamenti. Furono in molti a trovare riparo dalle incursioni aeree, cionondimeno, i bombardamenti della Luftwaffe falcidiarono la cittadinanza.

la metropolitana di Londra

Il 3 marzo 1943, presso la stazione di Bethnal Green sulla Central Line, poco dopo l’allarme, si consumò una tragedia terribile. Per via del panico creato dai bombardamenti tra la folla sulle scale della stazione, ci furono 172 morti per schiacciamento, di cui sessantotto bambini. Tuttavia i londinesi sono famosi per non essere mai domi e dopo ogni tragedia, si sono sempre repentinamente rialzati. Nel 1948, dopo la fine della guerra, il trasporto pubblico londinese fu nazionalizzato. L’innovazione riprese a pieno regime, e nel 1952, la metropolitana di Londra adottò i primi treni in alluminio.

“The Tube”

Negli anni sessanta la metropolitana di Londra vide un ulteriore impulso con la nuova linea “Victoria”, vanto del progresso britannico. All’epoca la “City” era nel pieno della“Swinging London”, e nel 1969 fu la Regina Elisabetta II a inaugurare la nuova linea.

la metropolitana di Londra

In seguito, la metropolitana di Londra vide uno dei suoi momenti più bui negli anni settanta. Il 28 febbraio del 1975 si verificò un gravissimo incidente. La tragedia si consumò sulla Northern Line, al capolinea di Moorgate. Un convoglio si schiantò contro il muro terminale, causando la morte di quarantatrè persone e il ferimento di settantacinque. Dopo il tragico evento, furono introdotti i più moderni sistemi di sicurezza su tutta la rete della metropolitana londinese. Nel 1977 fu aperta la stazione di Jubilee Line. Intorno alla metà degli anni 80’ la metropolitana di Londra raggiunse l’aeroporto internazionale di Heathrow.

l’Oyster Card e travelcard per viaggiare comodamente

Nel 1987, un grave incendio devastò la stazione di King’s Cross, e per via del panico tra la folla ci furono trentuno vittime. Tuttavia l’innovazione e l’ammodernamento non ebbero battute d’arresto. Negli anni 90’ s’incrementarono l’estensione, e l’automatizzazione della rete, anche se con un’altra drammatica battuta d’arresto nel 2005. Il sette di luglio, nella “underground”, cinquantadue persone furono trucidate con diverse esplosioni per via di un attacco terroristico.

la metropolitana di Londra

Seguirono purtroppo altri attentati e oggi la metropolitana di Londra è tra le più controllate in Europa. “The tube” è anche tra la più trafficate al mondo, raggiungendo un miliardo e 300 milioni di passeggeri negli ultimi anni. Per viaggiare nella metropolitana di Londra, non conviene comprare il biglietto in contanti, perché il ticket varia da zona e fascia oraria. Consigliamo d’acquistare l’Oyster Card, la carta magnetica che consente di risparmiare sul costo del singolo biglietto.

Fantasmi e presenze nella metropolitana di Londra

Se avete la travelcard cartacea, sarete comunque tra i quattro milioni di passeggeri giornalieri, su 450 km binari e “approdare” in una delle 382 stazioni. E’ interessante sottolineare che per costruire la metropolitana di Londra, si è dovuto anche scavare dove sorgevano cimiteri e fosse comuni.

la metropolitana di Londra

Si favoleggia anche di omicidi avvenuti vicino ai binari che alimentano miti e leggende su spiriti e fantasmi. Sovrapponibile alla mappa della “Tube”, è possibile tracciarne un’altra dei fantasmi avvistati nella metropolitana di Londra. Uno dei fantasmi più famosi è quello della stazione abbandonata di Aldwych lungo la Piccadilly Line. Si tratta dello spirito di un’attrice morta suicida nel teatro. Un altro avvistamento riguarda l’attore William Terris, assassinato mentre si recava in un panificio, e che si aggirerebbe presso la stazione di Covent Garden. Si favoleggia anche di una mummia che aleggerebbe alla Central Line.
Nel 1012 durante dei lavori in vista delle Olimpiadi, presso la stazione di Elephant and Castle, secondo i presenti, si palesarono altre strane presenze. Gli operai riferirono di rumori di passi e mormorii lungo il marciapiede a ridosso dei binari.

la metropolitana di Londra

Si favoleggia di “the screaming ghost”Anne Naylor, assassinata nel 1758 quasi bambina, prestava servizio presso un cappellaio vicino alla stazione di Farringdon. Qualcuno parla anche del fantasma di Wiston Churchil, che un ragazzo avrebbe anche fotografato. Sono molte le testimonianze di rumori, movimenti di porte e accensioni improvvise di scale mobili. Se volete fare gli “acchiappa fantasmi”, buon divertimento!

Simona Aiuti

Autore: Simona Aiuti

Mi chiamo Simona Aiuti, sono giornalista, web editor e autrice di romanzi.
La scrittura è parte di me; amo la letteratura, esplorare i mutamenti del costume, la storia, lo sport, e l’arte. Mi piace visitare i musei, le mostre. Sono affascinata dall’inconoscibile e curiosa del mondo.

La metropolitana di Londra, vanto e faro di modernità dal 1863 ultima modifica: 2019-01-09T09:00:12+00:00 da Simona Aiuti

Commenti

To Top