itLondra

NEWS

Il cuore di Londra dopo il lockdown diventa pedonale

London Eye- Il Cuore Di Londra

il Comune di Londra sta cercando di eliminare dal centro le auto, a favore di spazi più ampi per chi va a piedi e delle piste ciclabili. Quindi, quartieri come Soho, Mayfair, Piccadilly e Covent Garden, che sono il cuore di Londra, si trasformeranno in una piccola “Parigi“.

Il cuore di Londra somiglierà a Parigi
Parigi

Il West End di Londra si trasformerà in un’isola pedonale per rilanciare l’economia

Una maxi isola pedonale, nel cuore di Londra, per ravvivare quelle aree – ad alta densità turistica – che più di altre hanno subito i contraccolpi di 3 mesi di quarantena. E’ così che l’amministrazione comunale pensa di riaccendere dai primi di Luglio le mille luci del West End, epicentro della vita notturna londinese coi suoi musical e le sue discoteche. L’impulso per restituire vitalità alla zona, oggi irriconoscibile in quanto semi-deserta, verrà dunque – almeno nelle intenzioni degli amministratori locali – dalla chiusura temporanea al traffico di ben 47 strade, destinate ad accogliere sedie e tavolini distanziati dei locali della zona.

L’estate londinese dopo il lockdown

Verranno allestiti all’occorrenza palchi improvvisati per performance dal vivo, fra spettacoli teatrali e concerti. L’idea è vietare l’accesso alle auto per creare un’enorme corte, riservata ai pedoni, in grado di richiamare i turisti: milioni ogni anno, ma che oggi sono scoraggiati dal venire a Londra. Molto per le circostanze e gli effetti inevitabili della pandemia; un po’ anche per colpa della scelta della governo Johnson d’imporre per ora l’obbligo di quarantena a chiunque giunga sull’isola dall’estero.

I nuovi spazi

La nuova isola pedonale si estenderà da Soho a Covent Garden, da Mayfair a Piccadilly, cuore pulsante della capitale quasi desertificato dal coronavirus. Inevitabile l’impatto economico su tutte le attività commerciali della zona, quindi non solo pub e ristoranti, ma anche cinema e teatri, la cui ripartenza si annuncia fin d’ora più lenta e problematica. L’allestimento dell’area riservata ai pedoni ha un duplice obiettivo: Da una parte consentirà a locali ed esercizi della zona di allargarsi in strada, aumentando così la propria metratura, indispensabile per poter rispettare le norme sul distanziamento sociale. Dall’altra funzionerà come fase sperimentale, per misurarne sostenibilità ed efficacia nell’eventuale ipotesi di prorogarla a tempo indeterminato.

Covent Garden, il cuore di Londra

Soho, Mayfair, Piccadilly, sono tutti meravigliosamente invasi dai turisti di tutto il mondo. Ma l’atmosfera che si respira a Covent Garden è davvero unica, è qui Il cuore di Londra. Di per se è già una piccola isola felice, risalente ai primi del 1600.

Enrico VIII lo trasformò in mercato

Il suo nome attuale è una storpiatura di “Convent Garden” infatti, vi sorgeva l’orto di un convento. Il Re Enrico VIII ne ordinò l’esproprio e Covent Garden divenne luogo di mercato. In epoca recente vi sono sorti ristoranti, negozi, bancarelle d’artigianato, animato da artisti di strada che la rendono una delle principali attrazioni londinesi.

Il cuore di Londra: La Royal Opera House e L’Apple Market

Covent Garden è anche famoso per i suoi teatri. Tra di essi spicca la Royal Opera House e per gli appassionati di opera lirica, “Covent Garden” e “Royal Opera House” ormai sono sinonimi. Non perdetevi inoltre una passeggiata all’Apple Market, è una perla in questa meravigliosa conchiglia. In questo tradizionale mercatino, infatti, troverete oggetti insoliti e fantasiosi di antiquariato, artigianato, porcellana, gioielli, vestiti e regali. Colori e odori che si rincorrono ogni giorno della settimana e se l’esperimento dovesse piacere, tornerà ad essere il vero cuore di Londra.

Il cuore di Londra dopo il lockdown diventa pedonale ultima modifica: 2020-06-23T12:03:15+01:00 da Mara Austen Diamanti

Commenti

To Top