Arte e cultura

Storia di una bandiera, anche un po’ Italiana

Bandiera di San Giorgio, diventata successivamente la bandiera inglese

Una croce rossa a sfondo bianco, inconfondibile simbolo nel mondo della gloriosa Inghilterra! Nell’immaginario collettivo, essa rappresenta tuttora più di una bandiera. L’emblema di un regno ricco e potente, di un impero coloniale sterminato e di una cultura che affascina il mondo intero.
Ma siamo sicuri di conoscere proprio tutto sulla bandiera inglese? In molti diranno che ricorda il vessillo portato dai crociati in Terra Santa. Ebbene sì, tutto iniziò in quel periodo, ma come diventò in pianta stabile lo stemma anglosassone è una curiosità tutta da scoprire.

bandiera inglese - Lanterna di Genova

Lanterna di Genova, il simbolo della città ligure con il suo stemma

Le origini della bandiera inglese

La nuova insegna iniziò a distinguere i soldati inglesi intorno al XIII secolo, solo uno più tardi rispetto al periodo della Terza Crociata. Quella, per intenderci, capitanata dal celeberrimo Riccardo Cuor di Leone.
Quello che molti non sanno, però, è che l’adozione dell’attuale bandiera inglese in terra britannica ha un’origine tutta italiana. Molti ne converranno che non si tratta di un abbaglio: nella miriade di stemmi e casate presenti in territorio italico, anche molte nostre città si vantano di utilizzare tuttora la Croce di San Giorgio come loro insegna.
Ebbene, una di esse fu particolarmente potente e temuta in passato, specialmente nelle acque del Mediterraneo, all’epoca infestate da innumerevoli pirati.
Stiamo parlando della Repubblica Marinara di Genova, che nell’Alto Medioevo partecipò attivamente alle Crociate. In questo periodo storico, essa si guadagnò il rispetto di tutti le maggiori nazioni europee del tempo.
La Superba (nome affibbiato alla città da Petrarca) adottò ufficialmente la Croce di San Giorgio dopo una feroce battaglia per la presa di Gerusalemme (1099), durante la quale la leggenda narra che l’apparizione del Santo incitò le truppe cristiane fino alla vittoria.

bandiera inglese - l'Invincibile Armada attorniata da navi inglesi.

L’ Invincibile Armada attorniata da navi inglesi. In evidenza le bandiere inglesi.

La reputazione della flotta Genovese si consolidò quindi a tal punto che il vessillo utilizzato dalle navi era considerato una sorta di immunità per solcare i mari in tranquillità, senza dover temere le frequenti incursioni piratesche.
Fu a questo punto che gli Inglesi dimostrarono la loro scaltrezza. Essi infatti chiesero e ottennero di poter utilizzare la bandiera crociata per la navigazione nel Mediterraneo e nel Mar Nero. Per acquisire questo diritto, la Corona dovette sborsare un tributo annuale al Doge di Genova: una dimostrazione di quanto i rapporti di forza tra le potenze in Europa fossero decisamente diversi un tempo rispetto al nostro immaginario attuale.

La Croce di San Giorgio ai giorni nostri

Vista la convenienza ottenuta dall’utilizzo della nuova bandiera, gli Anglosassoni decisero quindi di non separarsene più, rendendola ufficialmente la nuova bandiera inglese. Decisione mantenuta intatta ancora oggi, con una curiosità: la bandiera del Regno Unito, che riunisce Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord, non è altro che la sovrapposizione dei diversi stemmi originari delle nazioni fondatrici.

bandiera inglese - Bandiera del Regno Unito sulla Tower of London

Bandiera del Regno Unito sulla Tower of London

Ed è così che la bandiera inglese, unendosi alla croce di Sant’Andrea e San Patrizio, diede vita all’attuale Union Jack.
Quest’ultima diventò poi bandiera ufficiale dello Stato politico attualmente presente in Gran Bretagna.
Ma non solo: a ben pensarci, per via del Commonwealth, la croce rossa a sfondo bianco diede origine ad una miriade di altri vessilli usati nel mondo, come quello Australiano e Neozelandese.

Noi e la bandiera

Passeggiando tra monumenti che issano una bandiera inglese svolazzante, si può avere a volte l’impressione di trovarsi molto lontani da casa. Sebbene immersi in una cultura differente, ricordiamocelo sempre: un pezzo di Italia passò di qui molto tempo fa e guardando quello stemma possiamo sentirci un po’ più vicini alla nostra terra, che ha influenzato il mondo moderno ben più di quanto non pensiamo.

Vi interessano altre curiosità sul passato dell’Inghilterra? Consiglio di dare un’occhiata anche a https://londra.italiani.it/enrico-viii-lo-scisma-dalla-chiesa-roma-la-brexit-storia-vecchia/.

Davide Pollarolo

Autore: Davide Pollarolo

Amante di High Tech, pesto e focaccia.
Ingegnere Informatico di professione, affascinato da storie e curiosità legate all’Italia.

Storia di una bandiera, anche un po’ Italiana ultima modifica: 2018-07-23T09:30:12+00:00 da Davide Pollarolo

Commenti

To Top