itLondra

ITALIANI A LONDRA LONDRA

Giuseppe Mazzini, fondatore di una scuola italiana a Londra

Giuseppe Mazzini - Casa Di Mazzini a Londra

Giuseppe Mazzini, una delle personalità più rappresentative della lotta per il “Risorgimento” italiano, ha vissuto molto a Londra, lasciando un’impronta molto profonda. “Emigrazione”, è un sostantivo, che che può avere molte declinazioni, compreso l’essere esule.

Giuseppe Mazzini

Orbene, “emigrazione” può essere ed è anche qualcosa d’altro. Orbene non solo ricerca di una vita migliore, ma anche persecuzione; talvolta anche soltanto avventura, o pionierismo come per Mazzini. Per l’eroe pensatore risorgimentale, essere esule a Londra è stato anche volontà di scoperta di una nuova patria; al prezzo di sacrifici enormi, ma anche di rinunce, pericoli. Dunque, Giuseppe Mazzini, patriota, costretto all’esilio nella capitale inglese agli inizi del 1837; si stabilisce nella zona di Clerkenwell, quartiere divenuto famoso con il nome di “ Little Italy “.

Giuseppe Mazzini - Ritratto Fotografico Di Mazzini in vecchiaia
fonte foto – Wikipedia – Pubblico dominio

Egli vi rimase per oltre trent’anni, indossando sempre il nero in segno di lutto, per un’Italia divisa e non libera. Tornare significava la pena capitale, e in trent’anni, una vita intera, Mazzini non smise mai d’intessere rapporti con intellettuali locali; ma soprattutto di coordinare e seguire i moti risorgimentali in Patria.

Giuseppe Mazzini a Hatton Garden

L’esule genovese, resto a Londra fino al 1868. Mazzini, estremamente avanti con le sue idee rivoluzionarie, auspicava anche la formazione degli Stati Uniti d’Europa; che considerava la logica conseguenza dell’unità d’Italia. Il libero pensatore si guadagnava da vivere con fatica; e lo faceva scrivendo su alcuni giornali. In quegli anni aumentò notevolmente i contatti con gli emigrati italiani a Londra che condividevano le sue idee politiche.

Giuseppe MAzzini - Targa In Onore Di Mazzini
fonte foto – Wikipedia – Goodwillgames – CC BY-SA 3.0

Nel 1840 diede anche vita ad una associazione di lavoratori la cui sede è stata funzionante fino a pochi anni fa. Venne infatti chiusa nel 2008. Una delle iniziative più importanti di Mazzini in Inghilterra, fu quella di aprire una scuola; in una zona a quell’epoca tra le più degradate di Londra, a Hatton Garden. Mazzini viveva nel quartiere di Clerkenwell; abitato quasi esclusivamente da Italiani, soprattutto ciociari e rifugiati politici come lui.

Charles Dickens

Nella scuola fondata da Mazzini, le lezioni  si svolgevano solo in orario serale; poiché i bambini delle classi più povere lavoravano duramente il giorno. Le materie d’insegnamento erano quelle basilari; per dare un’istruzione di base ai ragazzi. Le lezioni si svolgevano anche la domenica; giorno in cui anche l’esule italiano dava lezioni di cultura italiana. La scuola si avvaleva del sostegno di personalità di grande spicco, come Charles Dickens, sostenitore delle idee di Mazzini.

Giuseppe Mazzini - Casa Di Mazzini A Genova oggi museo
casa di Mazzini a Genova – fonte foto – Wikipedia – Rinina25 – CC BY 2.5

Inoltre Dickens, ben conosceva i luoghi degradati delle periferie, dove aveva ambientato alcune sue opere come “Oliver Twist”. La scuola durò vent’anni, ed ebbe grande seguito e successo. Inoltre Mazzini in trent’anni nel Regno unito, grazie al suo impegno, riuscì a far sorgere anche  una chiesa italiana; la chiesa di San Peter (1869-71), oggi ancora aperta. Tuttavia, l’impegno sociale per l’infanzia; non distrasse l’esule dai suoi studi.

Romanticismo inglese

Egli, durante la sua lunghissima permanenza sul suolo britannico, continuò a scrivere, producendo articoli e saggi letterari; su autori quali Dante, Goethe, Foscolo, Byron, Carlyle. Si occupò inoltre a lungo del Romanticismo inglese. Lontano dalla Patria, corrispondente attivo di diversi giornali liberali del continente, come Le Monde e lo svizzero Helvetie, il pensiero di Mazzini cresceva nel tempo. Egli da Londra, pubblicò anche molti articoli sulla situazione politica e sociale inglese e sulla classe operaia locale che ben conosceva. Infine, Mazzini collaborò attivamente alla rivista di John Stuart Mill “London & Westminster Review”, il “Monthly Chronicle”; le riviste “British and Foreign Affairs”“Tait’s Edinburgh Magazine”, e il radicale “People’s Journal”. In quest’ultimo pubblicò una serie d’importanti saggi intitolati “Pensieri sulla Democrazia in Europa” nei quali delineò le origini utilitaristiche dei vari movimenti utopistici del tempo. Infine tornò in Italia; quattro anni prima di morire.

Giuseppe Mazzini, fondatore di una scuola italiana a Londra ultima modifica: 2020-08-25T09:18:32+01:00 da simona aiuti
To Top