INTERVISTE

Intervista a Giorgia Bacco: Londra non ha rivali!

Georgia Bacco

Benvenuta su ItLondra, Giorgia! Grazie per aver accettato quest’intervista! Chi è Giorgia Bacco? E perché ha scelto l’Inghilterra per vivere e lavorare?

Giorgia Bacco è una mamma di 35 anni, emigrata a Londra sei anni fa per frequentare un Master in Marketing a Londra (London Metropolitan University). Alla fine del master ho incontrato colui che ora è mio marito e ho deciso di fermarmi a Londra.

L’idea di trovare lavoro fuori dall’Italia c’era comunque e la Capitale inglese al tempo fu la scelta migliore. Dopo il master ho iniziato a lavorare come consulente marketing per aziende italiane e inglesi finchè sono stata assunta nel marketing di un’azienda inglese per la quale ancora lavoro. In contemporanea ho sviluppato il mio progetto e nel 2015 ho aperto Dottore London, la prima clinica italiana a Londra. Siamo partiti con due medici e una ventina di pazienti al mese, adesso abbiamo quasi trenta medici e oltre 250 pazienti al mese, di cui il 90% è di nazionalità italiana.

Brexit: deve farci davvero paura?

Non credo che Brexit debba farci paura. Chi è già qui da tempo non avrà problemi e chi arriverà avrà la possibilità di rimanere se lo vorrà. Certo il flusso di immigrati dall’Europa diminuirà ma ci sarà comunque. E’ difficile fare previsioni quando ancora non si hanno informazioni precise e definitive.

Cosa manca all’Italia per essere una nuova “Inghilterra”?

Manca la mentalità e il rispetto delle regole. Questo paese funziona bene perché si seguono religiosamente le regole e i procedimenti stabiliti. Non si dà spazio all’interpretazione, le regole vanno seguite e se non si seguono si sbaglia. Fa parte del bagaglio culturale.

Ma quest’Inghilterra ha davvero una marcia in più, lavorativamente ed economicamente parlando?

Si ce l’ha ed è appunto grazie alla caratteristica riportata sopra! Non posso esprimermi per tutta l’Inghilterra perchè la mia esperienza si limita alla città di Londra, comunque…

Come (e dove!) ti vedi tra dieci anni?

Spero di essere alla guida di un’azienda di successo che mi permette di seguirla da un paese che non sia l’Inghilterra. Un paese dove la qualità di vita sia migliore.

Ultima domanda: consigli su chi vorrebbe adesso vorrebbe sbarcare in Inghilterra per cercare lavoro?

Non credo sia il momento migliore per venire a lavorare in Inghilterra, se parliamo di Londra, credo che rimarrà sempre una città affascinante e piena di opportunità. Il melting pot che c’e’ qui è difficile da trovare altrove, ma non è più così semplice trovare lavoro, soprattutto il lavoro ‘dei sogni’. C’e’ molta concorrenza e fanno eccezione solo alcuni settori in cui sono ancora richieste risorse straniere!

Stefano Labbia

Autore: Stefano Labbia

Stefano Labbia è autore, poeta, sceneggiatore. In libreria con “I Giardini Incantati” (Talos Edizioni), “Piccole Vite Infelici” (Elison Publishing) e “Bingo Bongo e altre storie” (Il Faggio Edizioni). Prossimamente: “Killer Loop’S (graphic novel – LFA Publisher) e “Vivo!” (PubMe – Collana Il Piacere di Scrivere).

Intervista a Giorgia Bacco: Londra non ha rivali! ultima modifica: 2018-05-29T13:08:59+00:00 da Stefano Labbia

Commenti

To Top