itLondra

pubbliredazionale ITALIANI A LONDRA NEWS

Farmaco anti-Covid inglese allo sprint finale, iniziano i test

Farmaco anti-Covid - le vie di Londra in inverno
Articolo promozionale

Farmaco anti-Covid inglese, garantirebbe l’immunità immediata. Inoltre la sperimentazione sarebbe già alla fase tre dei test, per un periodo che va dai sei ai dodici mesi. Se tutto andrà bene, sarà somministrato alle categorie più esposte. Infine, se dovesse essere approvato, il trattamento potrebbe essere offerto a chi è stato esposto al virus nei precedenti otto giorni.

Farmaco anti-Covid

Come dicevamo, il farmaco di AstraZeneca e University College London Hospitals NHS Trust; se efficace, potrebbe garantire un’immunità che andrebbe da sei mesi a un anno contro il Coronavirus. Nel caso di efficacia comprovata, potrebbe essere somministrato come trattamento d’emergenza ai pazienti ricoverati in ospedale. Inoltre lo si potrebbe somministrare anche agli ospiti delle case di cura per riuscire a interrompere la catena del contagio.

Farmaco anti-Covid - una infermiera che somministra un farmaco

Lo studio, rinominato “storm chaser”, ossia cacciatore di tempesta, ha interessato dieci persone. La professoressa Catherine Houlihan, virologa dell’UCLH, si è espressa con ottimismo, riguardo al farmaco. Orbene, il vantaggio potrebbe essere “l’immunità immediata”, di fatto; qualcosa che equivale a una vaccinazione come risultato. Tuttavia ora l’obiettivo è quello di verificare se il cocktail di anticorpi può proteggere davvero dal coronavirus per un periodo compreso tra i sei e i dodici mesi, che sarebbe come vaccinarsi, ma non si può precorrere i tempi.

Farmaco anti-Covid inglese dell’AstraZeneca

Durante questa fase sperimentale, i soggetti coinvolti nel trial ricevono due dosi; una dopo l’altra. Inoltre, se il farmaco dovesse avere l’approvazione definitiva, il trattamento sarebbe offerto a chi è stato esposto al virus e non ha ancora sviluppato sintomi. Il dottor Richard Jarvis, uno dei membri del comitato della British Medical Association; ha spiegato approfonditamente che è importante verificare alcuni elementi. E’ fondamentale capire e avere la certezza, su questi trial, per vedere se saranno efficaci o meno, per coadiuvare la lotta al virus.

Farmaco anti-Covid  - infermieri al lavoro

Ma la cosa più importante è che sui nuovi trattamenti sia fatta una ricerca accurata. E’ cura della fase sperimentale, esaminare a fondo il farmaco e i suoi effetti. Soprattutto dobbiamo essere sicuri, prima di metterlo sul mercato; per non dare un falso “antidoto”. Riguardo ai vaccini, che in questi giorni si stanno somministrando su media e larga scala ai britannici, la questione è diversa.

University College London Hospitals NHS Trust

Il dott. Jarvis ha spiegato che, per la maggior parte della popolazione, il vaccino offre la migliore protezione contro il Covid-19. Il servizio sanitario inglese sta lavorando nel modo più veloce, garantendo ai pazienti più vulnerabili le prime dosi, ma se ci fosse un’ulteriore arma, non sarebbe male. Al momento, le dieci persone che hanno avuto il farmaco; sono state esposte al virus in casa.

Farmaco anti-Covid  - Infermiera che soleva la visiera

Sono state tutte scelte perché immerse in ambienti sanitari o in aule scolastiche. Il farmaco potrebbe essere disponibile su larga scala a partire da marzo o aprile 2021; se dovesse arrivare il via libera dell’ente regolatore nazionale. Sarà importante capire se i trial siano efficaci; infine se sui nuovi trattamenti è ancora più importante verificare il processo di ricerca accurata prima di entrare sul mercato. Se dovesse arrivare il via libera dell’ente nazionale, sarebbe un grande traguardo; ma è importante che il trattamento sia sicuro.

Farmaco anti-Covid inglese allo sprint finale, iniziano i test ultima modifica: 2020-12-26T13:00:13+00:00 da simona aiuti

Commenti

Clicca per commentare

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

Lascia un commento

To Top