INTERVISTE ITALIANI A LONDRA

Intervista a Sofia Mastrofrancesco

Img 0684

Ben trovata sulle pagine de itLondra, Sofia! Presentati ai nostri lettori e parlaci un pò di te!

Salve a tutti! Mi chiamo Sofia e mi sono trasferita da Roma a Londra nel 2012 dopo essermi diplomata a 19 anni non compiuti. Dopo poco più di un anno di gavetta e qualche periodo di divertimento forse un po’ troppo allungato in cui ho perfezionato il mio Inglese sono entrata nel mondo della sanità privata. Non mi sarei mai aspettata di crescere professionalmente in un’area così diversa da quelli che sono i miei interessi. La mia tenacia e voglia di fare mi hanno portato molto avanti e ringrazio ogni giorno chi si e’ fidato e mi ha dato un’opportunità. Ora mi sento pero’ di dover iniziare una nuova challenge e realizzare il mio vero sogno, chissà se Londra si comporterà bene con me come ha fatto fino ad ora?

Underground

Underground

Sostanzialmente quali credi che siano le differenze tra Italia e Inghilterra? Mi riferisco al modo di vivere, all’approccio ai problemi della vita e non solo all’ambito lavorativo…

Credo che la più grande differenza tra Italia ed Inghilterra sia la rapidità e l’innovazione. Mi sento di dire che purtroppo l’Italia, pur essendo a volte elogiata per il suo spirito di tranquillità, per certi versi è fin troppo tranquilla e scarseggia di innovazione. Ad esempio qualsiasi iter burocratico in Italia è spesso lento e complicato, mentre invece in UK tutto è semplificato e i risultati si ottengono molto rapidamente (parlo in generale, qualsiasi cosa). Un’altra cosa importante è la meritocrazia. Ho avuto modo di provare su me stessa che se si hanno delle qualità e si crede in quello che si fa.

o2 londra

o2 londra

Brexit: dobbiamo temerla o no? Qual’è la tua opinione in merito?!

Ovviamente, se avessi avuto modo di votare avrei optato per il remain. Credo che il Regno Unito avrebbe beneficiato di più nel rimanere e magari proporre cambiamenti. Non credo che bisogna temere nulla, l’importante è accettarsi di fare il massimo per potersi stabilizzare, richiedere tutte le documentazioni necessarie ai datori di lavoro che ahimè a volte non dichiarano di aver assunto e non forniscono documentazioni adatte quali contratti di lavoro, p60 e quant’altro. Consiglio a tutti gli italiani in UK da almeno 5 anni di avviarsi subito con le pratiche per la Permanent Residency e successivamente cercare di ottenere la cittadinanza.

Che consiglio daresti ad un giovane che vuole venire a vivere in Inghilterra? Cosa si deve aspettare?

Londra è una cittá magnifica e piena di opportunità. Consiglierei di non passare troppo tempo con altri italiani se non si parla bene la lingua poiché è essenziale se si vuole fare carriera.

London Eye a South Bank

London Eye a South Bank

Dove (e come) ti vedi tra dieci anni?

Spero di poter realizzare il mio sogno per cui mi sono trasferita a Londra ossia entrare nel mondo delle arti e farne una carriera e mi sento molto positiva per questo. Auguro a tutti gli Italiani in UK come a me lo stesso!

Grazie per la disponibilità!

Stefano Labbia

Autore: Stefano Labbia

Stefano Labbia è autore, poeta, sceneggiatore. In libreria con “I Giardini Incantati” (Talos Edizioni), “Piccole Vite Infelici” (Elison Publishing) e “Bingo Bongo e altre storie” (Il Faggio Edizioni). Prossimamente: “Killer Loop’S (graphic novel – LFA Publisher) e “Vivo!” (PubMe – Collana Il Piacere di Scrivere).

Intervista a Sofia Mastrofrancesco ultima modifica: 2018-10-08T09:00:15+00:00 da Stefano Labbia

Commenti

To Top